Labs

Da ragazzino non avrei mai detto che un giorno mi sarei trovato dall'altra parte della cattedra, invece succede spesso. I laboratori (di fumetto, di disegno o di produzione di storie) sono un'attività che non avevo messo in conto ma alla fine ne ho fatti un po' e un po' per tutte le età. Alcuni li ho anche ideati. Li trovate raccolti qui.

Laboratori per ragazzi

Terra chiama alieni
Età: 10-14 anni
per info: pietroscarnera@gmail.com

Nel 1977 la Nasa lanciò nello spazio le sonde Voyager I e II: entrambe portano con sè un disco d'oro pieno di immagini e suoni per spiegare a un'eventuale civiltà aliena chi sono gli esseri umani e com'è fatto il pianeta Terra. A 40 anni di distanza le sonde Voyager hanno appena varcato i confini del Sistema solare e continuano a portare con sé il proprio biglietto da visita. Ma oggi, cosa metteremmo in quel disco d'oro? "Terra chiama alieni" è un laboratorio in cui si chiede ai ragazzi di comporre il proprio messaggio per gli extraterrestri utilizzando il disegno, per scoprire, di fronte a quanto è più diverso da noi, che cosa ci accomuna come esseri umani.

La prima edizione del laboratorio è stata ideata nel 2017 per Baumhaus e si è svolta alla scuola media Salvo D'Acquisto di Bologna.



Ho creato un mostro!
Età: 8-12 anni
per info: pietroscarnera@gmail.com




Un cerchio per il corpo, due puntini per gli occhi, due gambette e naturalmente una bocca grandissima, con zanne e cornetti da aggiungere a piacere. Bastano pochi tratti di matita per disegnare un mostro. Ma come per tutte le creazioni, bisogna poi prendersene cura! E il modo migliore è inventare una storia. “Ho creato un mostro!” è un laboratorio di disegno a tema “mostri” per imparare a creare un personaggio, anche con pochissimi tratti, e a farlo muovere all’interno di una storia a fumetti.

La prima edizione del laboratorio è stata ideata nel 2019 per il progetto Community Lab del Quartiere Borgo Panigale-Reno di Bologna insieme all'associazione Banca del tempo Reno-Borgo.



Formazione per adulti/giovani artisti

Artists@Work

Nel 2018 ho lavorato come formatore di fumetto per il progetto europeo Artists@Work. È la prima volta che vesto i panni dell'insegnante, pensavo di trovarli scomodi e invece vestono abbastanza bene. Il progetto ha offerto formazione per giovani artisti in tre discipline (fumetto, fotografia, video) in tre Paesi (Italia, Francia, Bosnia), con l'obiettivo di raccontare la giustizia e i cambiamenti sociali.
Io sono stato responsabile dell'area fumetto in Italia e ho lavorato con un gruppo di una ventina di partecipanti, ognuno col proprio progetto. I lavori dei partecipanti sono stati esposti a ottobre al Festival di Internazionale a Ferrara (qui sopra un momento della presentazione) e si possono tutti leggere on line. Qui in particolare ci sono le storie a fumetti realizzati dai partecipanti italiani e bosniaci.